You are in:

06.07.18 A Fab camp l'elettronica sfida la modellistica

Comunicato stampa:

A Fab Camp l'elettronica sfida la modellistica


Venerdì 6 luglio alle ore 12 il confronto tra gli studenti al polo mantovano del Politecnico di Milano

Dopo il successo ottenuto con la stampa 3D, la matematica computazionale e i droni, gli studenti dei corsi tecnologici Fab Camp 2018 si cimentano in una doppia sfida: imparare a programmare dei sensori elettronici per il monitoraggio ambientale e realizzare un modello in scala della facciata della chiesa di Santa Barbara, base di lavoro per il corso sulla videoproiezione architetturale che la prossima settimana chiuderà la summer school dedicata alla tecnologia e al patrimonio culturale.
Per verificare le competenze apprese, i due gruppi di lavoro presenteranno i risultati raggiunti questo venerdì 6 luglio alle ore 12 al Politecnico di Milano – Polo territoriale di Mantova.
Oltre agli studenti delle scuole superiori iscritti, saranno presenti i coordinatori tecnico-scientifici Fab Camp Andrea Poltronieri e Cristiana Giordano, la responsabile della sezione laboratorio modelli di Mantova Lab Giulia Flavia Baczynski, gli altri docenti dei corsi Laura Cipriani, Pietro Grandi e Federica Selleri.
Fab Camp è organizzato alla sede universitaria mantovana da PromoImpresa Borsa Merci - Azienda speciale della Camera di Commercio di Mantova con il supporto di Laboratorio Territoriale per l’Occupabilità – LTO Mantova, progetto Fab Academy a Mantova e Politecnico di Milano – Polo territoriale di Mantova con Laboratorio Ricerca Mantova e azione Genio Collettivo.
I corsi, gratuiti per tutti gli studenti delle scuole superiori grazie al contributo del progetto Generazione Boomerang, hanno riscosso grande successo tra i giovani del territorio. Ben 183 le adesioni totali ai 6 corsi programmati tra giugno e luglio che hanno tutti raggiunto il numero minimo richiesto per l’attivazione e spesso hanno superato anche il massimo di 20 posti disponibili.

DETTAGLI SUI NUMERI
Il boom delle adesioni lo hanno registrato i corsi di scansione-stampa 3D e di droni con 48 e 46 richieste di partecipazione, seguono Arduino con 28 adesioni, STEM con 24, videomapping con 22 e modellistica con 15.
Ben 16 le scuole rappresentate. Il maggior numero di adesioni è pervenuto dall’Istituto Mantegna di Mantova con il 25%, seguono a ruota il Belfiore con il 18%, l’immancabile Fermi con il 15% da ITIS e 4% da Liceo e il D'Arco con il 12%. Ma una percentuale delle iscrizioni è arrivata anche dal Vinci, dallo Strozzi, dal Giulio Romano, dal Virgilio, dal Pitentino e dall’Este. E non sono mancate le scuole fuori Mantova: presenti anche CFP Arti e Mestieri di Suzzara, Galilei di Ostiglia, Greggiati di Ostiglia, Istituto alberghiero di Valeggio, Dal Prato di Guidizzolo e San Giovanni Bosco.
Curiosi anche i dati sull’età dei partecipanti che dimostrano che non esiste un limite temporale per la curiosità dei giovani. La maggior parte degli iscritti sono studenti di classe 3° e 4°, ma anche le classi 1° e 2° si affacciano con curiosità al mondo tecnologico della fabbricazione digitale. Quasi il 10% di iscrizioni arriva da studenti del primo anno, circa il 23% dai colleghi del secondo anno, mentre la restante percentuale è equamente suddivisa in terzo e quarto anno.

 
COORDINAMENTO OPERATIVO 
Alessandra Veronesi e Paolo Tomirotti,
PromoImpresa Borsa Merci.


COORDINAMENTO TECNICO-SCIENTIFICO
Andrea Poltronieri, Project manager LTO Mantova.
Cristiana Giordano ed Emanuele
Goldoni, Fab Academy Mantova Manager.
Luigi Fregonese e Andrea Adami, Responsabili Mantova Lab.