You are in:

11.01.2019 Presentazione finale dei progetti del Laboratorio di prgettazione 1 - Laurea Magistrale

comunicato stampa:

Venerdì 11 gennaio si è tenuta al Campus di Mantova del Politecnico di Milano la presentazione finale dei progetti elaborati dagli studenti del Laboratorio Architectural Design Studio, primo anno del Corso di Laurea Magistrale in Architectural Design and History.

Due le sezioni del Laboratorio, due i progetti proposti, entrambi sviluppati su Piazza Virgiliana.

Il primo progetto, seguito dai professori Luigi Spinelli (Architectural Design), Federico Bucci (Urban history) e Marco Introini (History of modern photography) riguarda l’ideazione della Mediateca Tazio Nuvolari, un edificio espositivo multimediale sui temi del passaggio alla modernità nella città di Mantova e sulla figura di Tazio Nuvolari. Il programma funzionale prevede la progettazione di sale tematiche, spazi multimediali, un auditorium, archivi e un laboratorio di restauro di auto e moto d'epoca.

Il secondo progetto, seguito dai professori Matteo Moscatelli (Architectural Design), Chiara Baglione (Urban history) e Gianluca Vita (Representation techniques) riguarda l’ideazione di una nuova Sede di Festivaletteratura, situata nell’area ad est del Monumento a Virgilio. Agli studenti è stato chiesto di progettare un edificio polifunzionale che possa ospitare una biblioteca-archivio, un auditorium, uno spazio espositivo, un deposito per le strutture di Festivaletteratura, servizi e alcuni uffici, in modo da creare una nuova polarità culturale che sia attiva tutto l’anno.

Questo momento finale condiviso è stato l’espressione dalla volontà di creare una forte relazione tra le due sezioni di Laboratorio concretizzatasi -anche durante tutti i mesi di lezione- nell’individuazione di un’area di progetto comune, piazza Virgiliana, e nella scelta del tema, ovvero la progettazione di un edificio adatto a ospitare attività di carattere culturale.

L’interazione non si è sviluppata solamente tra i due laboratori ma anche tra i laboratori e la città, attraverso il coinvolgimento dei rappresentanti delle due istituzioni, inizialmente per la definizione del programma e nel momento conclusivo della valutazione della qualità dei progetti.

L’obiettivo prioritario per entrambi i progetti è stata la ricerca di una relazione con il luogo, interpretata a diverse scale: la città di Mantova, il sistema di piazza Virgiliana e le due specifiche aree di intervento.

Gli studenti hanno presentato i loro lavori a una commissione esterna di esperti, composta da Massimo Curzi, Lola Ottolini, Pierluigi Salvadeo e Carlo Togliani, con Lorenzo Montagner, curatore del Museo Tazio Nuvolari, e Francesco Caprini, responsabile della logistica di Festivaletteratura e cofondatore del festival.

 Le diverse competenze dei membri della commissione hanno portato a giudizi su più livelli: sono state esposte considerazioni sul rapporto tra edifici e città e tra architettura e costruzione, sullo spazio interno espositivo e sulla funzionalità e coerenza rispetto al programma inizialmente concordato.

In particolare, la commissione ha apprezzato la coerenza tra concept e progetto finale, la grande attenzione alla reinterpretazione dei riferimenti (molto importante in un contesto come quello della città di Mantova) e l’uso di materiali appropriati rispetto alla forma.

 Nonostante il programma funzionale fosse già definito inizialmente in termini di uso dello spazio, è stata apprezzata -sia dai docenti sia dalla commissione esterna- la grande eterogeneità delle proposte dei vari gruppi di ogni sezione, sia in compositivo sia in senso distributivo, che ha contribuito sostanzialmente ad arricchire il dibattito finale.