You are in:

12.04.2019 HBIM per il patrimonio culturale

comunicato stampa:

 
HBIM PER IL PATRIMONIO CULTURALE

Venerdì 12 aprile alle ore 12:00 presso il Polo di Mantova del Politecnico di Milano si terrà la conferenza stampa di presentazione dei corsi di formazione post-laurea e per architetti professionisti su HBIM PER IL PATRIMONIO CULTURALE.

Quali opportunità ci sono oggi nel settore dell’edilizia per un giovane laureato? Quali nuovi sviluppi per la professione di architetto nel settore del patrimonio costruito?
Il BIM, acronimo di Building Information Modelling, è un sistema integrato di progettazione condivisa che va dall’ideazione fino alla costruzione e gestione di un nuovo edificio. Il cosiddetto Decreto BIM (DM 560 del 2017) riconosce l’importanza di questo approccio e stabilisce l’obbligatorietà dell’adozione di metodi e strumenti i di modellazione elettronica delle opere pubbliche, secondo un calendario specifico. La norma UNI 11337 definisce le specifiche di questa attività. Dal quadro normativo nazionale, emerge la necessità di ridefinire i ruoli e di sviluppare nuove figure professionali.
La vastità e l’importanza del patrimonio italiano hanno sviluppato un nuovo approccio, l’HBIM: dove H sta per Heritage, ossia tutto il patrimonio storico costruito che caratterizza la nostra realtà nazionale.
L’area dei Beni Culturali rappresenta una sfida per l’approccio BIM, sviluppato in ambito internazionale principalmente per le nuove costruzioni. È quindi necessario avvicinarsi a questo tema con un approccio consapevole e multidisciplinare.

Il MantovaLab del Polo territoriale di Mantova presenta un’azione formativa indirizzata a giovani e giovanissimi laureati e a professionisti del settore edilizio interessati ad investire sul proprio futuro attraverso un percorso in grado di posizionarli come figure innovative su cui costruire processi di cambiamento e sviluppo.
 
A 10 giovani laureati non ancora inseriti nel mondo del lavoro, i cosiddetti NEET, il Polo di Mantova propone un percorso di Alta Formazione, della durata di 5 mesi suddivisi tra lezioni teoriche e tirocinio, con l’obiettivo di creare figure professionali competenti e competitive nel settore. Il corso “HBIM per il patrimonio culturale. Strumenti per la progettazione, la modellazione e la gestione”, che inizierà il 6 maggio 2019, prevede lezioni sui temi del rilievo, della conservazione, della fisica tecnica, della normativa e delle strutture applicate ai BIM. Parallelamente ci sarà un corso, riconosciuto Autodesk, sulla piattaforma più utilizzata nel settore BIM (Autodesk Revit).
L’esperienza caratterizzante sarà il tirocinio extracurriculare, della durata di 3 mesi, presso studi professionali ed enti operanti nel settore dei Beni Culturali. Ogni partecipante selezionato riceverà un indennizzo di tirocinio di 500 € lordi al mese, grazie al finanziamento di Cariverona, che ha creduto nel progetto presentato dal Polo di Mantova.

Agli architetti e ai professionisti del settore, il Politecnico di Milano offre la possibilità di un aggiornamento professionale sull’applicazione del metodo HBIM per la progettazione sui beni culturali. Il corso “HBIM per il patrimonio culturale. Metodi e strumenti per la progettazione” vedrà il coinvolgimento di docenti esperti di conservazione programmata, normativa per i beni culturali, di fisica tecnica e impianti e di analisi strutturale del Dipartimento ABC. Le 4 giornate di formazione si terranno presso il Polo di Mantova nei venerdì di maggio 2019 e agli architetti degli Ordini APPPC delle province di Mantova e Verona verranno riconosciuti i crediti formativi.

Le informazioni ed il bando sono già disponibili alla pagina sulla formazione postlaurea del Politecnico di Milano all’indirizzo: https://www.polimi.it/corsi/master-universitari-e-corsi-post-laurea/