Ti trovi in:

La valorizzazione del patrimonio ambientale e paesaggistico. Progetto per le Corti Bonoris nel Parco del Mincio

06/05/2014

Presentazione del libro e mostra degli elaborati

6 maggio ore 17.00, Museo Diocesano - Sala conferenze "Paolo Pozzo", Piazza Virgiliana, 55

 

I contesti periurbani sono oggetto di rilevanti trasformazioni. Erosione di suolo, degrado ambientale e paesistico sono conseguenza di una fase socio-economica che ignora il ruolo ecologico e culturale del territorio rurale in rapporto alla qualità del paesaggio e dell’ambiente urbano. 

Una criticità particolarmente evidente nel contesto delle città di piccola e media dimensione, per la presenza di valori identitari che vivono e traggono significato proprio dal rapporto con il territorio e il paesaggio.

È questo il caso di Mantova città Unesco, un unicum che coniuga l’eccellenza monumentale del patrimonio gonzaghesco con l’estensione di un paesaggio di acque, colture e habitat naturalistici anch’essi patrimonio dell’umanità.

Il progetto ambientale per la valorizzazione delle Corti Bonoris nel Parco del Mincio assume tale dimensione per proiettarla verso la costruzione dell’“heritage del futuro”, con azioni di salvaguardia attiva del paesaggio rurale, nonché di recupero e rifunzionalizzazione del patrimonio edilizio della Fondazione Bonoris.

La dimensione partecipativa della comunità locale è la condizione per una effettiva sostenibilità dei processi di conservazione e sviluppo.


Il libro, edito da Maggioli, illustra gli esiti del Contratto di ricerca “Studi e ricerche per il recupero e la valorizzazione fruitiva ambientale e paesaggistica del Patrimonio Bonoris, nel contesto territoriale del Parco del Mincio”.

Contratto tra il Politecnico di Milano – Dipartimento ABC e la Fondazione Conte Gaetano Bonoris, con la collaborazione del Parco del Mincio; coordinamento scientifico: Elena Mussinelli.