Ti trovi in:

27.01.15 Monumenti per difetto. La giornata della memoria

COMUNICATO STAMPA

“Monumenti per difetto. La giornata della memoria”

Martedì 27 gennaio 2015, ore 21.00

Aula Magna della Fondazione Università di Mantova (via Scarsellini, 2)

 

Il tema della memoria, del ricordo degli eventi storici più rilevanti  scandisce sempre più il calendario, i monumenti che s’erigono per celebrarli rischiano di sfuggire alla loro nobile funzione culturale/didattica e politico/sociale che li ha generati. Le meditazioni che le stesse giornate suggeriscono, sono occasione di riflettere su quei manufatti e sugli strumenti con cui queste rievocazioni vengono proposte.

Alcuni monumenti della memoria insistono sui luoghi stessi dello sterminio o su strutture a questo funzionali od asservite, conservandoli e/o musealizzandoli quale testimonianza e prova dell'accaduto. Citiamo, ad esempio,le fosse Adreiatine, Auschwitz- Birkenau, la risiera di Trieste.

Altri tendono strutturarsi come essi stessi luogo di ricordo - MAB - Museo, Archivio, Biblioteca. Non si può non citare a tal proposito Yad Vashem di Gerusalemme, il notissimo museo di Daniel Libeskind a Berlino o quello di Washington i quali tendono diventare centro di riferimento, luoghi tangibili della riminescenza.

Altri ancora tentano di assumere il ruolo di "tomba" o di 'stele commemorativa' per rendere visivamente presente ciò che fu annientato per cancellarlo dalla memoria: questi, frequentemente, spesso si presentono come vere e proprie 'opere d'arte' e, i più raffinati tra loro, possono essere considerati opere nella concezione di "site specific". Ispirandosi all'arte concettuale; alcuni "luoghi" del ricordo sono trasfigurati in percorsi virtuali o di ritualità, con poca o, addirittura, assente "fisicità ". Esplicitando il concetto, di notevole interesse è il lavoro proposto dalla coppia di artisti tedeschi Stih&Schock.

Il Polo territoriale di Mantova del Politecnico di Milano ha accolto l’occasione della prossima Giornata della Memoria per dedicare una serata alla complessità di modi di concepire la memoria stessa. Il tema - Monumenti per difetto, propone una riflessione nell'ambito dei monumenti dedicati al ricordo Il titolo è preso in prestito da un libro di recente pubblicazione di Adachiara Zevi, che in questo incontro farà da traccia agli interventi. 

Federico Bucci, Prorettore della sede mantovana del Politecnico di Milano, farà da moderatore della serata nella quale   daranno i loro saluti Nicola Sodano, Sindaco del Comune di Mantova, Francesca Zaltieri, Vice Presidente e Assessore alla cultura della Provincia di Mantova e Emanuele Colorni, Presidente della Comunità Ebraica della città. 

Al dibattito parteciperanno, oltre all’autrice del libro Adachiara Zevi, Presidente della Fondazione Bruno Zevi e dell'associazione Arteinmemoria, David Palterer, docente del Politecnico e Francesca Zaltieri, nella sua veste di Presidente del conservatorio “Lucio Campiani”, la quale parlerà dell'insegnamento della musica, come strumento e tappa del percorso della memoria.

Questo incontro, promosso dal Polo mantovano del Politecnico di Milano, è patrocinato dalla Provincia, dal Comunedalla Fondazione Universitaria Mantovana, dalla comunità Ebraica di Mantova, dall’associazione Man Tovà che promuove numerose attività culturali volte alla conoscenza della cultura ebraica.

Anche IIFCA - la Fondazione Italia Israele per la Cultura e le Arti - istituita congiuntamente e con il sostegno dei ministeri per gli affari esteri d'Italia e d'Israele con l'intento di promuovere le relazioni, la conoscenza e la fruizione della cultura dei due paesi, ha voluto sostenere questo appuntamento.

Questa particolare occasione conferma il ruolo consolidato del Politecnico di Milano, sempre più propositivo e con lo sguardo rivolto all’internazionalizzazione del panorama culturale della città.

___________________________________________________

Info:

Ufficio Comunicazione

Paola Talò

t. +39 0376 317043

@ paola.talo@polimi.it

 

 

 

 


Allegati